fbpx
Il Blog di DroniWorld - DroniWorld, Noleggi Nazionali di Droni e non solo
15410
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15410,bridge-core-1.0.5,et_bloom,et_monarch,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,vss_responsive_adv,vss_width_768,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Il blog di DroniWorld.net
#droniworldnet #droni #servizidroni #aerofotogrammetria #dji

Le nostre offerte, le novità internazionali dal mondo dei droni volanti e non, le nuove applicazioni ma anche le tecniche e le tecnologie che il ns. staff pubblica regolarmente.

Le offerte e le proposte di DroniWorld

Droni & Marketing: l’importanza e l’utilizzo dei Droni nel Marketing by DroniWorld

Eventi, servizi, promozioni ed iniziative di DroniWorld …
un mondo in volo di servizi professionali con droni e non solo

Gli eventi segnalati o di DroniWorld

Le ultime News

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

Pubblicato 3 giorni fa dalla ns. Cruise

Droniworld

Intelligent Energy, uno sviluppatore delle tecnologie di celle (pile) a combustibile PEM (membrana a scambio protonico), ha annunciato che la società intende presentare i suoi moduli leggeri di Fuel Cell Power per veicoli aerei senza equipaggio droni (UAV) agli operatori commerciali di droni. Queste dimostrazioni di volo utilizzeranno un quadricottero della DJI il M600 e si terranno in California, Tokyo, Corea del Sud e località selezionate in tutta Europa.

Per le dimostrazioni, la batteria del DJI M600 verrà sostituita con due dei moduli di potenza a celle a combustibile (FCPM) da 800 W di Intelligent Energy, collegati in serie utilizzando un Power Path Module (PPM). Questa configurazione fornirà 1,6kW di potenza continua all'aeromobile con tempi di volo fino a due ore ed è adatta per droni multirotore con peso massimo al decollo di 15 kg e carichi utili fino a 4 kg.

Intelligent Energy ha anche recentemente lanciato un FCPM da 2,4 kW, progettato per UAV fino a un peso massimo al decollo di 25 kg con carichi utili fino a circa 7 kg. Questo sistema è in grado di durare più di 120 minuti di volo.

DroniWorldNews bit.ly/35zKq5n
... Leggi tuttoLeggi meno

Intelligent Energy, uno sviluppatore delle tecnologie di celle (pile) a combustibile PEM (membrana a scambio protonico), ha annunciato che la società intende presentare i suoi moduli leggeri di Fuel Cell Power per veicoli aerei senza equipaggio droni (UAV) agli operatori commerciali di droni. Queste dimostrazioni di volo utilizzeranno un quadricottero della DJI il M600 e si terranno in California, Tokyo, Corea del Sud e località selezionate in tutta Europa.

Per le dimostrazioni, la batteria del DJI M600 verrà sostituita con due dei moduli di potenza a celle a combustibile (FCPM) da 800 W di Intelligent Energy, collegati in serie utilizzando un Power Path Module (PPM). Questa configurazione fornirà 1,6kW di potenza continua allaeromobile con tempi di volo fino a due ore ed è adatta per droni multirotore con peso massimo al decollo di 15 kg e carichi utili fino a 4 kg.

Intelligent Energy ha anche recentemente lanciato un FCPM da 2,4 kW, progettato per UAV fino a un peso massimo al decollo di 25 kg con carichi utili fino a circa 7 kg. Questo sistema è in grado di durare più di 120 minuti di volo.

DroniWorldNews http://bit.ly/35zKq5n

Pubblicato 4 giorni fa dalla ns. Cruise

Droniworld

Utilizzando modelli sia del tipo di irrigazione sia dell'acqua stagnante, gli accademici del programma possono discernere chi nella popolazione locale è più esposto alla malaria.
Delle circa 435.000 persone che sono morte di malaria in tutto il mondo nel 2017 - l'anno più recente per il quale sono disponibili statistiche dell'Organizzazione mondiale della sanità - il 93% era in Africa.

La malaria è una malattia mortale causata da parassiti delle zanzare che vengono trasmessi alle persone attraverso i morsi delle "Anopheles" femminili infette. È prevenibile e curabile.
Jon Carroll, assistente professore di antropologia alla Oakland University, ha lavorato con i droni e sapeva quanto fossero utili. Detroit News ha riferito che a partire da un paio di anni fa nell'Africa sud-orientale, lavorando a un programma con ricercatori e docenti della Michigan State University attraverso l'Agenzia per lo sviluppo internazionale degli Stati Uniti, Carroll ha usato i droni per aiutare a gestire l'irrigazione e monitorare le colture in Malawi.

Ma in Africa, mentre l'acqua porta vita, troppo spesso porta anche la morte. L'acqua sfruttata dal progetto di irrigazione nella valle di Bwanje aiuta a coltivare il cibo vicino all'equatore in un ambiente sempre più difficile mentre la terra si riscalda. Eppure fornisce anche potenziali paradisi riproduttivi per le zanzare che trasportano uno dei grandi assassini del continente.

"Ci siamo resi conto che c'era un'opportunità per far sì che ciò si manifestasse per la malaria, a causa delle pratiche di irrigazione intorno alle risaie nell'area in cui stavamo lavorando", ha detto Carroll, aggiungendo: "Quindi i due progetti erano sovrapposti, perché erano entrambi orientati all'agricoltura. Ma sono due usi molto diversi delle immagini dai droni. "

"Normalmente, con un satellite tradizionale, quando stavo costruendo i modelli che stiamo usando, gli oggetti più piccoli che stavamo rilevando erano di circa un metro quadro", ha detto April Frake, assistente di ricerca post-dottorato dello stato del Michigan "Considerando che quando entriamo con un drone, possiamo rilevare oggetti che sono circa di 8 cm.".

"I droni stanno facendo un lavoro significativamente migliore rispetto ai satelliti che avevamo utilizzato in precedenza per costruire questo tipo di modelli", ha detto Frake.

Utilizzando modelli sia del tipo di irrigazione sia dell'acqua stagnante, gli accademici del programma possono discernere chi nella popolazione locale è più esposto alla malaria. I ricercatori sperano anche che le immagini possano aiutare gli ingegneri dell'irrigazione a gestire il flusso d'acqua per evitare la formazione di pozze stagnanti dove le zanzare possono riprodursi.

DroniWorld News bit.ly/2VGC5YW
#DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni
... Leggi tuttoLeggi meno

Utilizzando modelli sia del tipo di irrigazione sia dellacqua stagnante, gli accademici del programma possono discernere chi nella popolazione locale è più esposto alla malaria.
Delle circa 435.000 persone che sono morte di malaria in tutto il mondo nel 2017 - lanno più recente per il quale sono disponibili statistiche dellOrganizzazione mondiale della sanità - il 93% era in Africa.

La malaria è una malattia mortale causata da parassiti delle zanzare che vengono trasmessi alle persone attraverso i morsi delle Anopheles femminili infette. È prevenibile e curabile.
Jon Carroll, assistente professore di antropologia alla Oakland University, ha lavorato con i droni e sapeva quanto fossero utili. Detroit News ha riferito che a partire da un paio di anni fa nellAfrica sud-orientale, lavorando a un programma con ricercatori e docenti della Michigan State University attraverso lAgenzia per lo sviluppo internazionale degli Stati Uniti, Carroll ha usato i droni per aiutare a gestire lirrigazione e monitorare le colture in Malawi.

Ma in Africa, mentre lacqua porta vita, troppo spesso porta anche la morte. Lacqua sfruttata dal progetto di irrigazione nella valle di Bwanje aiuta a coltivare il cibo vicino allequatore in un ambiente sempre più difficile mentre la terra si riscalda. Eppure fornisce anche potenziali paradisi riproduttivi per le zanzare che trasportano uno dei grandi assassini del continente.

Ci siamo resi conto che cera unopportunità per far sì che ciò si manifestasse per la malaria, a causa delle pratiche di irrigazione intorno alle risaie nellarea in cui stavamo lavorando, ha detto Carroll, aggiungendo: Quindi i due progetti erano sovrapposti, perché erano entrambi orientati allagricoltura. Ma sono due usi molto diversi delle immagini dai droni. 

Normalmente, con un satellite tradizionale, quando stavo costruendo i modelli che stiamo usando, gli oggetti più piccoli che stavamo rilevando erano di circa un metro quadro, ha detto April Frake, assistente di ricerca post-dottorato dello stato del Michigan Considerando che quando entriamo con un drone, possiamo rilevare oggetti che sono circa di 8 cm..

I droni stanno facendo un lavoro significativamente migliore rispetto ai satelliti che avevamo utilizzato in precedenza per costruire questo tipo di modelli, ha detto Frake.

Utilizzando modelli sia del tipo di irrigazione sia dellacqua stagnante, gli accademici del programma possono discernere chi nella popolazione locale è più esposto alla malaria. I ricercatori sperano anche che le immagini possano aiutare gli ingegneri dellirrigazione a gestire il flusso dacqua per evitare la formazione di pozze stagnanti dove le zanzare possono riprodursi.

DroniWorld News http://bit.ly/2VGC5YW 
#DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni

Pubblicato 4 giorni fa dalla ns. Cruise

Droniworld

L’Istituto Agrario di Firenze ospiterà l’Open Day del nuovo corso post-diploma Farmer 4.0 che, rivolto a ragazzi tra i 18 e i 29 anni, sarà presentato alle 16.00 di giovedì 10 ottobre nel corso di un pomeriggio in cui i giovani e le famiglie potranno confrontarsi con i docenti e con i rappresentanti di numerose aziende agrarie, agroalimentari e agroindustriali del territorio.
Il percorso, organizzato dalla Fondazione Its Eat - Eccellenza Agroalimentare Toscana, si svilupperà attraverso un totale di 2.000 ore di lezione (1.200 in aula e 800 di tirocinio) che permetteranno ad ogni allievo di acquisire la qualifica di Tecnico Superiore capace di valorizzare le eccellenze del made in Tuscany favorendo una maggior competitività nei mercati internazionali. La giornata all’Istituto Agrario sarà l’occasione per conoscere l’intero programma didattico e le future prospettive professionali, prima della scadenza delle iscrizioni che è stata fissata per sabato 19 ottobre.

L’obiettivo di Farmer 4.0 è di favorire un inserimento dei giovani nel mondo del lavoro in ruoli innovativi di cui le aziende del settore hanno evidenziato il bisogno. Il corso, dunque, affronterà varie materie per preparare gli allievi ad operare nelle filiere di produzione agraria e di trasformazione agroindustriale, con le competenze per gestire i processi biotecnologici di qualità e sicurezza degli alimenti, per garantire la sostenibilità ambientale e per eseguire studi di progettazione e fattibilità delle tecnologie innovative dell’agricoltura di precisione (droni, sensori, gps…).

DroniWorld News bit.ly/2IMEhIW
#DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni
... Leggi tuttoLeggi meno

L’Istituto Agrario di Firenze ospiterà l’Open Day del nuovo corso post-diploma Farmer 4.0 che, rivolto a ragazzi tra i 18 e i 29 anni, sarà presentato alle 16.00 di giovedì 10 ottobre nel corso di un pomeriggio in cui i giovani e le famiglie potranno confrontarsi con i docenti e con i rappresentanti di numerose aziende agrarie, agroalimentari e agroindustriali del territorio. 
Il percorso, organizzato dalla Fondazione Its Eat - Eccellenza Agroalimentare Toscana, si svilupperà attraverso un totale di 2.000 ore di lezione (1.200 in aula e 800 di tirocinio) che permetteranno ad ogni allievo di acquisire la qualifica di Tecnico Superiore capace di valorizzare le eccellenze del made in Tuscany favorendo una maggior competitività nei mercati internazionali. La giornata all’Istituto Agrario sarà l’occasione per conoscere l’intero programma didattico e le future prospettive professionali, prima della scadenza delle iscrizioni che è stata fissata per sabato 19 ottobre.

L’obiettivo di Farmer 4.0 è di favorire un inserimento dei giovani nel mondo del lavoro in ruoli innovativi di cui le aziende del settore hanno evidenziato il bisogno. Il corso, dunque, affronterà varie materie per preparare gli allievi ad operare nelle filiere di produzione agraria e di trasformazione agroindustriale, con le competenze per gestire i processi biotecnologici di qualità e sicurezza degli alimenti, per garantire la sostenibilità ambientale e per eseguire studi di progettazione e fattibilità delle tecnologie innovative dell’agricoltura di precisione (droni, sensori, gps…).

DroniWorld News http://bit.ly/2IMEhIW
#DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni

Pubblicato 4 giorni fa dalla ns. Cruise

Droniworld

Il design del quadricottero è personalizzabile, può aiutare in incidenti o altre emergenze e ovviamente sembra molto divertente.
L'illustrazione di Ford nel brevetto, datato 10 ottobre 2019 e depositata presso l'Ufficio Brevetti USA, mostra un dispositivo utilizzabile dal veicolo. Il drone può essere programmato per seguire il veicolo lungo la strada o segnalare la sua posizione ai servizi di emergenza se necessario. Secondo la descrizione del brevetto, il drone può essere caricato e conservato nel bagagliaio un utilizzo e l'altro, il drone è stato realizzato da Ford UAV Systems a Palo Alto, in California.

In un articolo sulla sua ricerca sui droni, Ford afferma: "Mentre è in accelerazione l'adozione dei droni, pensiamo che molti dei nostri clienti vorranno utilizzare questi dispositivi come parte del loro stile di vita".
Man mano che i droni diventano più comuni - la FAA afferma che entro il 2020 ce ne saranno 4,3 milioni nelle mani di hobbisti - non sorprende che le case automobilistiche se ne siano interessate.

DroniWorld News bit.ly/2OHFbu7

#DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni
... Leggi tuttoLeggi meno

Il design del quadricottero è personalizzabile, può aiutare in incidenti o altre emergenze e ovviamente sembra molto divertente.
Lillustrazione di Ford nel brevetto, datato 10 ottobre 2019 e depositata presso lUfficio Brevetti USA, mostra un dispositivo utilizzabile dal veicolo. Il drone può essere programmato per seguire il veicolo lungo la strada o segnalare la sua posizione ai servizi di emergenza se necessario. Secondo la descrizione del brevetto, il drone può essere caricato e conservato nel bagagliaio un utilizzo e laltro, il drone è stato realizzato da Ford UAV Systems a Palo Alto, in California.

In un articolo sulla sua ricerca sui droni, Ford afferma: Mentre è in accelerazione ladozione dei droni, pensiamo che molti dei nostri clienti vorranno utilizzare questi dispositivi come parte del loro stile di vita.
Man mano che i droni diventano più comuni - la FAA afferma che entro il 2020 ce ne saranno 4,3 milioni nelle mani di hobbisti - non sorprende che le case automobilistiche se ne siano interessate.

DroniWorld News http://bit.ly/2OHFbu7

#DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni

Pubblicato 4 giorni fa dalla ns. Cruise

Droniworld

È una delle cose più uniche che si può vedere in natura, una megattera che nuota in uno schema circolare mentre soffia delle bolle per creare una "rete" per circondare la sua preda.

È un evento regolare nelle fredde acque blu-verdi del sud-est dell'Alaska e, l'Università delle Hawaii con i ricercatori di Mānoa ed i loro collaboratori, l'hanno catturato in un video aereo e dall'incredibile punto di vista della balena. Il team ha utilizzato telecamere e sensori collegati alle balene con ventose, abbinati a droni per catturare video e dati importanti per un progetto che studiava le cause di un possibile declino del numero di megattere.

I dati dei video realizzati con i droni accoppiati con quelli dell'accelerometro, forniscono approfondimenti sui dettagli in scala ridotta di come le balene realizzano queste reti e con quale frequenza devono farlo per quindi guadagnare energia e peso sufficienti, prima di migrare di nuovo verso le Hawaii per riprodursi.

“Abbiamo due angoli. La prospettiva del drone ci sta mostrando queste reti a bolle e quando queste stanno iniziando a venire in superficie le megattere escono mentre affiorano e si alimentano, mentre le telecamere sulle balene ci mostrano la prospettiva dell'animale ", ha detto Bejder "Quindi sovrapporre questi due set di dati è piuttosto eccitante."

L'articolo originale 🇺🇸 bit.ly/35zUZp4
... Leggi tuttoLeggi meno

È una delle cose più uniche che si può vedere in natura, una megattera che nuota in uno schema circolare mentre soffia delle bolle per creare una rete per circondare la sua preda. 

È un evento regolare nelle fredde acque blu-verdi del sud-est dellAlaska e, lUniversità delle Hawaii con i ricercatori di Mānoa ed i loro collaboratori, lhanno catturato in un video aereo e dallincredibile punto di vista della balena. Il team ha utilizzato telecamere e sensori collegati alle balene con ventose, abbinati a droni per catturare video e dati importanti per un progetto che studiava le cause di un possibile declino del numero di megattere.

I dati dei video realizzati con i droni accoppiati con quelli dellaccelerometro, forniscono approfondimenti sui dettagli in scala ridotta di come le balene realizzano queste reti e con quale frequenza devono farlo per quindi guadagnare energia e peso sufficienti, prima di migrare di nuovo verso le Hawaii per riprodursi.

“Abbiamo due angoli. La prospettiva del drone ci sta mostrando queste reti a bolle e quando queste stanno iniziando a venire in superficie le megattere escono mentre affiorano e si alimentano, mentre le telecamere sulle balene ci mostrano la prospettiva dellanimale , ha detto Bejder Quindi sovrapporre questi due set di dati è piuttosto eccitante.

Larticolo originale 🇺🇸 http://bit.ly/35zUZp4

Pubblicato 5 giorni fa dalla ns. Cruise

Droniworld

Le tecnologie al centro dell’evento TECHNOLOGY for ALL consentono di conoscere, documentare, proteggere e monitorare il nostro ambiente sia dal punto di vista territoriale che dal punto di vista del costruito, con un particolare riguardo a tutte quelle manifestazioni rappresentative emergenti, in cui, indipendentemente dall’epoca, dall’ubicazione e dalle caratteristiche tecniche e strutturali, si possa riconoscere la testimonianza di un’identità materiale trasmissibile alle generazioni future, sopravveniente anche nella semplificazione dei processi infrastrutturali delle nostre città storiche intelligenti.
In questa edizione dell’evento che si terrà a Roma presso l'ISA - Istituto Superiore Antincendi, particolare enfasi sarà data alle seguenti tecnologie: Droni - Laser scanner - AnD - BIM - Geodati - PNT - Satelliti - AR, VR, MR - Imaging.
Le future smart city baseranno la maggior parte della loro funzionalità sul posizionamento di precisione e sull’infrastruttura geografica continuamente aggiornata, sia per consentire il flusso informativo dai sensori, che per collegare gli oggetti monitorati resi interattivi attraverso la rete Internet. I Big Data sono in continua evoluzione, inoltre, verso l’accumulo e l’aggregazione per mezzo dell’intelligenza artificiale dedicata, istantanea nell’apprendimento sia dalla risposta che dall’interrogativo umano, elaborando l’una e l’altro quantitativamente e serialmente.
E' online il programma preliminare del Technology for All 2019: Sessioni, workshop in campo e seminari.

#TFA #DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni

DroniWorld News bit.ly/33sTXsY
... Leggi tuttoLeggi meno

Le tecnologie al centro dell’evento TECHNOLOGY for ALL consentono di conoscere, documentare, proteggere e monitorare il nostro ambiente sia dal punto di vista territoriale che dal punto di vista del costruito, con un particolare riguardo a tutte quelle manifestazioni rappresentative emergenti, in cui, indipendentemente dall’epoca, dall’ubicazione e dalle caratteristiche tecniche e strutturali, si possa riconoscere la testimonianza di un’identità materiale trasmissibile alle generazioni future, sopravveniente anche nella semplificazione dei processi infrastrutturali delle nostre città storiche intelligenti. 
In questa edizione dell’evento che si terrà a Roma presso lISA - Istituto Superiore Antincendi, particolare enfasi sarà data alle seguenti tecnologie: Droni - Laser scanner - AnD - BIM - Geodati - PNT - Satelliti - AR, VR, MR - Imaging.
Le future smart city baseranno la maggior parte della loro funzionalità sul posizionamento di precisione e sull’infrastruttura geografica continuamente aggiornata, sia per consentire il flusso informativo dai sensori, che per collegare gli oggetti monitorati resi interattivi attraverso la rete Internet. I Big Data sono in continua evoluzione, inoltre, verso l’accumulo e l’aggregazione per mezzo dell’intelligenza artificiale dedicata, istantanea nell’apprendimento sia dalla risposta che dall’interrogativo umano, elaborando l’una e l’altro quantitativamente e serialmente.
E online il programma preliminare del Technology for All 2019: Sessioni, workshop in campo e seminari.

#TFA #DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni

DroniWorld News http://bit.ly/33sTXsY

Pubblicato 5 giorni fa dalla ns. Cruise

Droniworld

L'EASA, agenzia sulla sicurezza dell’aviazione europea, rende pubblica (ED Decision 2019/021/R AMC and GM (EU) No 2019/947) una serie di documenti che riportano le linee guida per la Commissione che le dovrà implementare nel regolamento Europeo. Come riportato nell'articolo di Stefano Orsi su Dronezine sono presenti diverse specifiche che riguardano una ricerca di una migliore definizione di "assembramento di persone", categorie Open, Specific e Certified.

Il documento, datato 9.ottobre.19 è abbastanza corposo, 130 pagine. Dopo una prima legenda degli acronimi utilizzati si esclude subito l'applicabilità di tale regolamento alle operazioni al chiuso per poi entrare nel vivo delle specifiche che sono suddivise come nel modello semantico della figura 2 in immagine per la mitigazione dei rischi e per la sicurezza richiesta/necessaria nelle operazioni.

I documenti 🇺🇸 sul sito EASA bit.ly/2pjh5Ly
DroniWorld News bit.ly/2OHgspW #DroniWorld #DroniWorldNet #droni
... Leggi tuttoLeggi meno

LEASA, agenzia sulla sicurezza dell’aviazione europea, rende pubblica (ED Decision 2019/021/R AMC and GM (EU) No 2019/947) una serie di documenti che riportano le linee guida per la Commissione che le dovrà implementare nel regolamento Europeo. Come riportato nellarticolo di Stefano Orsi su Dronezine sono presenti diverse specifiche che riguardano una ricerca di una migliore definizione di assembramento di persone, categorie Open, Specific e Certified.

Il documento, datato 9.ottobre.19 è abbastanza corposo, 130 pagine. Dopo una prima legenda degli acronimi utilizzati si esclude subito lapplicabilità di tale regolamento alle operazioni al chiuso per poi entrare nel vivo delle specifiche che sono suddivise come nel modello semantico della figura 2 in immagine per la mitigazione dei rischi e per la sicurezza richiesta/necessaria nelle operazioni.

I documenti 🇺🇸 sul sito EASA http://bit.ly/2pjh5Ly 
DroniWorld News http://bit.ly/2OHgspW #DroniWorld #DroniWorldNet #droni

Pubblicato 7 giorni fa dalla ns. Cruise

Droniworld

Amsterdam Drone Week è la prima piattaforma ufficiale europea per utenti, produttori, servizi e regolatori, che unisce le menti più brillanti e creative del settore UAS.
È un evento co-creato che mette in mostra le ultime tecnologie e aiuta a sbloccare il potenziale dei droni e la scoperta di nuove applicazioni. Per tutta una settimana, questo evento ombrello collega l’intera catena del valore UAS attraverso una varietà di eventi riguardanti le normative sui droni, le nuove tecnologie e le soluzioni future.
Amsterdam Drone Week è la piattaforma globale per la condivisione delle conoscenze sulle attuali soluzioni aeree, le potenziali innovazioni e le normative fondamentali dal 4 al 6 dicembre al RAI di Amsterdam. Per tre giorni tutti i principali attori, grandi e piccoli, commerciali e non commerciali, di vari settori, istituti di conoscenza e autorità, si riuniscono per cooperare e creare.
“L’UE deve assumere un ruolo di primo piano in tutto il mondo nello sviluppo del giusto quadro per far prosperare questo mercato, scatenando i benefici per i settori economici chiave”, afferma Violeta Bulc, commissario europeo per i trasporti (fonte: unmannedcargoaircraftconference.com).
Ed è esattamente quello che stiamo facendo qui. Il mercato globale delle soluzioni di business basate sui droni vale attualmente 127,3 miliardi di dollari e crescerà immensamente nei prossimi anni. Uno dei motivi è il quadro europeo per i droni che dovrebbe essere operativo entro il 2020. Grazie a questo quadro, infinite tecnologie e applicazioni per il futuro saranno improvvisamente a portata di mano.

DroniWorld News bit.ly/33qxwVn
... Leggi tuttoLeggi meno

Amsterdam Drone Week è la prima piattaforma ufficiale europea per utenti, produttori, servizi e regolatori, che unisce le menti più brillanti e creative del settore UAS.
 È un evento co-creato che mette in mostra le ultime tecnologie e aiuta a sbloccare il potenziale dei droni e la scoperta di nuove applicazioni. Per tutta una settimana, questo evento ombrello collega l’intera catena del valore UAS attraverso una varietà di eventi riguardanti le normative sui droni, le nuove tecnologie e le soluzioni future.
Amsterdam Drone Week è la piattaforma globale per la condivisione delle conoscenze sulle attuali soluzioni aeree, le potenziali innovazioni e le normative fondamentali dal 4 al 6 dicembre al RAI di Amsterdam. Per tre giorni tutti i principali attori, grandi e piccoli, commerciali e non commerciali, di vari settori, istituti di conoscenza e autorità, si riuniscono per cooperare e creare.
“L’UE deve assumere un ruolo di primo piano in tutto il mondo nello sviluppo del giusto quadro per far prosperare questo mercato, scatenando i benefici per i settori economici chiave”, afferma Violeta Bulc, commissario europeo per i trasporti (fonte: unmannedcargoaircraftconference.com).
Ed è esattamente quello che stiamo facendo qui. Il mercato globale delle soluzioni di business basate sui droni vale attualmente 127,3 miliardi di dollari e crescerà immensamente nei prossimi anni. Uno dei motivi è il quadro europeo per i droni che dovrebbe essere operativo entro il 2020. Grazie a questo quadro, infinite tecnologie e applicazioni per il futuro saranno improvvisamente a portata di mano.

DroniWorld News http://bit.ly/33qxwVn

Pubblicato 1 settimana fa dalla ns. Cruise

Droniworld

Mentre oratori, dimostrazioni tecnologiche ed espositori affolleranno le sale dell'esibizione, discussioni molto importanti, che modelleranno il futuro dei velivoli senza pilota in Europa, si terranno nella settimana dei droni di Amsterdam alla conferenza di alto livello dell'EASA, che si terrà quest'anno dal 4 al 6 dicembre.

Amsterdam Drone Week è un evento importante per l'industria mondiale dei droni. In questi giorni, i leader delle agenzie di regolamentazione, i governi delle città, l'industria e i fornitori di servizi di droni si riuniscono per scambiare idee e prendere decisioni critiche per il futuro delle applicazioni, dalla mobilità aerea urbana alla fotografia aerea.
Le normative sui droni in Europa hanno fatto progressi significativi quest'anno. Nel giugno di quest'anno sono state pubblicate nuove regole e gli operatori avranno un anno per conformarsi alle nuove normative, mentre gli Stati membri mettono insieme sistemi di registrazione e altre infrastrutture per supportarle. Discussioni su come implementare le normative, problemi di privacy e le future regole per ospitare operazioni più complesse si terranno durante il Day 1 della conferenza dell'AESA - e al piano della Amsterdam Drone Week, mentre le sessioni affrontano il valore commerciale di droni, gestione del traffico senza pilota, mobilità aerea urbana e altro ancora.

DroniWorld News bit.ly/326W31d
... Leggi tuttoLeggi meno

Mentre oratori, dimostrazioni tecnologiche ed espositori affolleranno le sale dellesibizione, discussioni molto importanti, che modelleranno il futuro dei velivoli senza pilota in Europa, si terranno nella settimana dei droni di Amsterdam alla conferenza di alto livello dellEASA, che si terrà questanno dal 4 al 6 dicembre.

Amsterdam Drone Week è un evento importante per lindustria mondiale dei droni. In questi giorni, i leader delle agenzie di regolamentazione, i governi delle città, lindustria e i fornitori di servizi di droni si riuniscono per scambiare idee e prendere decisioni critiche per il futuro delle applicazioni, dalla mobilità aerea urbana alla fotografia aerea.
Le normative sui droni in Europa hanno fatto progressi significativi questanno. Nel giugno di questanno sono state pubblicate nuove regole e gli operatori avranno un anno per conformarsi alle nuove normative, mentre gli Stati membri mettono insieme sistemi di registrazione e altre infrastrutture per supportarle. Discussioni su come implementare le normative, problemi di privacy e le future regole per ospitare operazioni più complesse si terranno durante il Day 1 della conferenza dellAESA - e al piano della Amsterdam Drone Week, mentre le sessioni affrontano il valore commerciale di droni, gestione del traffico senza pilota, mobilità aerea urbana e altro ancora.

DroniWorld News http://bit.ly/326W31d

Pubblicato 1 settimana fa dalla ns. Cruise

Droniworld

Con l’avvicinarsi dell’entrata in vigore delle nuove normative dell’EASA (European Autority Aviation Safety), prevista per il 2020, si riscaldano gli animi delle associazioni, dei professionisti (operatori settore commerciale) e degli appassionati sportivi.
Molti gli articoli apparsi sui diversi social networks tra preoccupazioni e chiarimenti richiesti. In merito si è tenuta a Bologna, la scorsa settimana, una riunione tra alcune associazioni di categoria (Assorpas, Fiapr e Uasit) e molti centri di addestramento per fare il punto e una volontà di creare una unica confederazione di utenti.
Ritengo che l’impostazione dell’EASA per l’utilizzo amatoriale, come nell’articolo “La terza anima dei dronisti” di Barlocchetti sia più che corretta, purché correttamente interpretata (test on-line ma non su D-Flight, rispetto regole, zone interdette ATZ, no sorvolo persone, ecc.), prevedendo finalmente serie sanzioni per chi non rispetta le regole, come “succede a chi passa con il rosso”.
Barlocchetti, sempre correttamente, punta il dito verso le solite italianità, “perché solo gli italiani dovrebbero andare a scuola e negli altri paesi no” “visto che poi ogni cittadino UE potrà volare e lavorare anche in Italia”, la domanda è corretta il vero problema sarebbe dare una risposta sugli interessi in merito.
Bisogna comunque fare sempre un distinguo, se parliamo di amatoriale sono d’accordo ma se parliamo di volare con un drone, magari di 2 kg, per attività commerciale no, tutti dovrebbero, in Europa, avere una preparazione “uguale e valida”, tale da garantire il rispetto delle regole e la sicurezza.

Continua su DroniWorld News bit.ly/35kKyFA
... Leggi tuttoLeggi meno

Con l’avvicinarsi dell’entrata in vigore delle nuove normative dell’EASA  (European Autority Aviation Safety), prevista per il 2020, si riscaldano gli animi delle associazioni, dei professionisti (operatori settore commerciale) e degli appassionati sportivi.
 Molti gli articoli apparsi sui diversi social networks tra preoccupazioni e chiarimenti richiesti. In merito si è tenuta a Bologna, la scorsa settimana, una riunione tra alcune associazioni di categoria (Assorpas, Fiapr e Uasit) e molti centri di addestramento per fare il punto e una volontà di creare una unica confederazione di utenti.
Ritengo che l’impostazione dell’EASA per l’utilizzo amatoriale, come nell’articolo “La terza anima dei dronisti” di Barlocchetti sia più che corretta, purché correttamente interpretata (test on-line ma non su D-Flight, rispetto regole, zone interdette ATZ, no sorvolo persone, ecc.), prevedendo finalmente serie sanzioni per chi non rispetta le regole, come “succede a chi passa con il rosso”.
 Barlocchetti, sempre correttamente, punta il dito verso le solite italianità, “perché solo gli italiani dovrebbero andare a scuola e negli altri paesi no” “visto che poi ogni cittadino UE potrà volare e lavorare anche in Italia”, la domanda è corretta il vero problema sarebbe dare una risposta sugli interessi in merito.
Bisogna comunque fare sempre un distinguo, se parliamo di amatoriale sono d’accordo ma se parliamo di volare con un drone, magari di 2 kg, per attività commerciale no, tutti dovrebbero, in Europa, avere una preparazione “uguale e valida”, tale da garantire il rispetto delle regole e la sicurezza.

Continua su DroniWorld News http://bit.ly/35kKyFA

Pubblicato 1 settimana fa dalla ns. Cruise

Droniworld

La Drone Racing League di quest'anno ospita uno dei dispositivi più rivoluzionari di sempre: si chiama RacerAI ed è qualcosa di mai visto prima.

Dal 2016, i piloti della Drone Racing League hanno gareggiato per stabilire chi fosse in grado di dar volare un “quadricottero”nei cerchi il più velocemente possibile; ma ora si troveranno dinanzi ad una nuova sfida: si chiama RacerAI ed è un drone completamente autonomo, in grado di volare da solo. Nove squadre di programmatori da tutto il mondo hanno lavorato per mesi al fine di trovare il miglior software per controllare RacerAI. Il loro lavoro, insieme al drone stesso, farà la sua comparsa dinanzi al mondo alla Addition Financial Arena di Orlando, in Florida.

Il drone funziona in maniera completamente autonoma e promette prestazioni davvero impressionanti
Gury è egli stesso un pilota di droni, ma pensa che quelli basati sull’intelligenza artificiale alla fine si dimostreranno superiori. Ma per quando è previsto il sorpasso? “Il 2023 è l’anno della nostra scommessa“, ha detto. “Tutto inizia a cambiare quando vediamo robot che superano gli umani in qualcosa“. Quando i piloti umani pilotano un drone da corsa, un collegamento radio consente loro di vedere il tracciato dalla prospettiva del drone. Con RacerAI, il tutto è demandato al drone stesso, in particolare al suo processore Nvidia Xavier, progettato per veicoli autonomi.

DroniWorld News bit.ly/329fLcQ
... Leggi tuttoLeggi meno

La Drone Racing League di questanno ospita uno dei dispositivi più rivoluzionari di sempre: si chiama RacerAI ed è qualcosa di mai visto prima.

Dal 2016, i piloti della Drone Racing League hanno gareggiato per stabilire chi fosse in grado di dar volare un “quadricottero”nei cerchi il più velocemente possibile; ma ora si troveranno dinanzi ad una nuova sfida: si chiama RacerAI ed è un drone completamente autonomo, in grado di volare da solo. Nove squadre di programmatori da tutto il mondo hanno lavorato per mesi al fine di trovare il miglior software per controllare RacerAI. Il loro lavoro, insieme al drone stesso, farà la sua comparsa dinanzi al mondo alla Addition Financial Arena di Orlando, in Florida.

Il drone funziona in maniera completamente autonoma e promette prestazioni davvero impressionanti
Gury è egli stesso un pilota di droni, ma pensa che quelli basati sull’intelligenza artificiale alla fine si dimostreranno superiori. Ma per quando è previsto il sorpasso? “Il 2023 è l’anno della nostra scommessa“, ha detto. “Tutto inizia a cambiare quando vediamo robot che superano gli umani in qualcosa“. Quando i piloti umani pilotano un drone da corsa, un collegamento radio consente loro di vedere il tracciato dalla prospettiva del drone. Con RacerAI, il tutto è demandato al drone stesso, in particolare al suo processore Nvidia Xavier, progettato per veicoli autonomi.

DroniWorld News http://bit.ly/329fLcQ

Pubblicato 1 settimana fa dalla ns. Cruise

Droniworld

Un team internazionale di scienziati e operatori sanitari ha completato la prima consegna di insulina al mondo con droni, facendo cadere la medicina salvavita in una remota isola in Irlanda.

Guidato da ricercatori dell'Università Nazionale d'Irlanda, a Galway, il team ha supervisionato il decollo e l'atterraggio di un drone che trasportava medicinali da prescrizione di insulina e glucagone, nonché una raccolta di campioni di sangue tra l'aeroporto di Connemara a Galway e Inis Mor nelle Isole Aran.

"L'insulina è essenziale per la mia sopravvivenza e avere un drone per il diabete in una situazione di emergenza assicurerebbe questa sopravvivenza mentre vivevo su un'isola al largo", ha detto Marion Hernon, una paziente affetta da diabete nelle isole Aran. Il successo dell'atterraggio del drone lo scorso venerdì mostra che questa tecnologia potrebbe essere utilizzata nel futuro dell'assistenza sanitaria per trasportare medicine e altre forniture attraverso l'aereo senza pilota, anche verso regioni remote o in tempi di calamità naturali, ha dichiarato NUI Galway in una nota. "I cambiamenti climatici significano che questi tipi di eventi meteorologici gravi stanno diventando sempre più diffusi. Gli individui e le comunità nelle zone rurali possono rimanere isolati per giorni dopo un evento meteorologico grave e può verificarsi un'emergenza in cui i pazienti possono esaurire le loro medicine", Derek O ' Keeffe, responsabile del progetto e professore alla NUI Galway, nonché medico presso la Galway University Hospitals, ha dichiarato in una nota.

L’articolo su DroniWorld: bit.ly/2AVK8HM
#droniworldnet #droniworld #droni #servizidroni #noleggiodroni #video #aerofotogrammetria #agricolturadiprecisione #termografia #dji
... Leggi tuttoLeggi meno

Un team internazionale di scienziati e operatori sanitari ha completato la prima consegna di insulina al mondo con droni, facendo cadere la medicina salvavita in una remota isola in Irlanda.

Guidato da ricercatori dellUniversità Nazionale dIrlanda, a Galway, il team ha supervisionato il decollo e latterraggio di un drone che trasportava medicinali da prescrizione di insulina e glucagone, nonché una raccolta di campioni di sangue tra laeroporto di Connemara a Galway e Inis Mor nelle Isole Aran. 

Linsulina è essenziale per la mia sopravvivenza e avere un drone per il diabete in una situazione di emergenza assicurerebbe questa sopravvivenza mentre vivevo su unisola al largo, ha detto Marion Hernon, una paziente affetta da diabete nelle isole Aran. Il successo dellatterraggio del drone lo scorso venerdì mostra che questa tecnologia potrebbe essere utilizzata nel futuro dellassistenza sanitaria per trasportare medicine e altre forniture attraverso laereo senza pilota, anche verso regioni remote o in tempi di calamità naturali, ha dichiarato NUI Galway in una nota. I cambiamenti climatici significano che questi tipi di eventi meteorologici gravi stanno diventando sempre più diffusi. Gli individui e le comunità nelle zone rurali possono rimanere isolati per giorni dopo un evento meteorologico grave e può verificarsi unemergenza in cui i pazienti possono esaurire le loro medicine, Derek O  Keeffe, responsabile del progetto e professore alla NUI Galway, nonché medico presso la Galway University Hospitals, ha dichiarato in una nota.

L’articolo su DroniWorld: http://bit.ly/2AVK8HM 
#droniworldnet #droniworld #droni #servizidroni #noleggiodroni #video #aerofotogrammetria #agricolturadiprecisione #termografia #dji

Pubblicato 1 settimana fa dalla ns. Cruise

Droniworld

1.600 metri quadrati si spazio per gestire 1500 droni e rotte automatiche. Sono i numeri del nuovo centro operativo di Drone Delivery Canada a Vaughan nell’ Ontario. Una pietra miliare non solo per l’azienda di Michael Zahra ma per tutto il volo automatico canadese.Lo scopo che si è prefissato Drone Delivery Canada non è tanto quello di fare consegne di pacchetti urgenti con i droni, quanto quello di creare l’infrastruttura tecnica che lo possa fare.

Un primo passo in questo senso è l’apertura del primo centro canadese di gestione di droni e traffico: il Commercial Operative Center (COC) di Vaughan, una struttura di 16.000 piedi quadrati (circa 1.486 metri quadrati) che, a piena capacità, può gestire fino a 1.500 droni contemporaneamente. Con il COC completo e in collaborazione con Air Canada Cargo ( il servizio di trasporto merci della compagnia di bandiera Air Canada).

L’azienda canadese ritiene che nei prossimi mesi potrà annunciare la lista dei primi clienti corporate che sfrutteranno la sua infrastruttura per il volo automatico, e si aggiungeranno al primo cliente, Vision Profile Extrusions, azienda attiva nel ramo siderurgico, che intende creare una rete di trasporto via drone per connettere le sue sedi a Vaughan utilizzando i droni cargo Sparrow con una capacità di carico di 10 libbre (4,5 chili).
“Il nostro centro operativo, il primo del suo genere a livello globale, sarà scalabile a 1.500 droni e rotte. In media, prevediamo di addebitare una tassa di licenza di 10.000 dollari per drone, per tratta, al mese. Con l’elevato livello di automazione tecnica, il nostro sistema brevettato FLYTE e il nuovo centro operativo, abbasseremo i costi logistici dei clienti” dice il CEO Michael Zahra.

L’articolo su DroniWorld: bit.ly/312V5lD
@droniworldnet #droniworldnet @droniworld #droniworld #droni #servizidroni #noleggiodroni #video #aerofotogrammetria #agricolturadiprecisione #termografia #dji
... Leggi tuttoLeggi meno

1.600 metri quadrati si spazio per gestire 1500 droni e rotte automatiche. Sono i numeri del nuovo centro operativo di Drone Delivery Canada a Vaughan nell’ Ontario. Una pietra miliare non solo per l’azienda di Michael Zahra ma per tutto il volo automatico canadese.Lo scopo che si è prefissato Drone Delivery Canada non è tanto quello di fare consegne di pacchetti urgenti con i droni, quanto quello di creare l’infrastruttura tecnica che lo possa fare. 

Un primo passo in questo senso è l’apertura del primo centro canadese di gestione di droni e traffico: il Commercial Operative Center (COC) di Vaughan,  una struttura di 16.000 piedi quadrati (circa 1.486 metri quadrati) che, a piena capacità, può gestire fino a 1.500 droni contemporaneamente. Con il COC completo e in collaborazione con Air Canada Cargo ( il servizio di trasporto merci della compagnia di bandiera Air Canada).

L’azienda canadese ritiene che nei prossimi mesi potrà annunciare la lista dei primi clienti corporate che sfrutteranno la sua infrastruttura per il volo automatico, e si aggiungeranno al primo cliente, Vision Profile Extrusions, azienda attiva nel ramo siderurgico, che intende creare una rete di trasporto via drone per connettere le sue sedi a Vaughan utilizzando i droni cargo Sparrow con una capacità di  carico di 10 libbre (4,5 chili). 
“Il nostro centro operativo, il primo del suo genere a livello globale, sarà scalabile a 1.500 droni e rotte. In media, prevediamo di addebitare una tassa di licenza di 10.000 dollari per drone, per tratta, al mese. Con l’elevato livello di automazione tecnica, il nostro sistema brevettato FLYTE e il nuovo centro operativo, abbasseremo i costi logistici dei clienti” dice il CEO Michael Zahra.

L’articolo su DroniWorld: http://bit.ly/312V5lD 
@droniworldnet #droniworldnet @droniworld #droniworld #droni #servizidroni #noleggiodroni #video #aerofotogrammetria #agricolturadiprecisione #termografia #dji

Pubblicato 2 settimane fa dalla ns. Cruise

Droniworld

La Walmart Inc ha depositato questa settimana due brevetti per la consegna con i droni, in particolare per quanto riguarda la modalità di consegna sicura dei pacchi, quando arrivano a destinazione.

Attualmente, ricevere una consegna da un drone significa che il drone fa cadere a terra il pacco, almeno secondo l'applicazione FAA di Amazon e le foto di Project Wing. Questi brevetti mostrano che Walmart sta cercando di elaborare questa parte cruciale dell'equazione di consegna del drone.

Il sistema immaginato dalla Walmart prevede l'atterraggio di un drone su una piattaforma all'esterno di un edificio, l'invio di un segnale alla piattaforma per far sapere che il pacco è stato consegnato, che quindi apre una botola. Il brevetto afferma che un "sistema di trasporto" sposterà quindi il pacco dall'esterno dell'edificio verso l'interno, ma non è chiaro se questo avviene tramite una finestra munita di rete in cui verrà rilasciato il pacco, come appare nella foto o qualcosa di più automatizzato.

La Walmart Inc. è una multinazionale americana che gestisce una catena di ipermercati, grandi magazzini e negozi di alimentari, fondata nel 1962. Quotata in borsa la Walmart Inc. è la terza azienda al mondo per numero di impiegati, circa 2.3 milioni.

L’articolo su DroniWorld: bit.ly/2LUMo8D

@droniworldnet #droniworldnet @droniworld #droniworld #droni #servizidroni #noleggiodroni #video #aerofotogrammetria #agricolturadiprecisione #termografia #dji
... Leggi tuttoLeggi meno

La Walmart Inc ha depositato questa settimana due brevetti per la consegna con i droni, in particolare per quanto riguarda la modalità di consegna sicura dei pacchi, quando arrivano a destinazione. 

Attualmente, ricevere una consegna da un drone significa che il drone fa cadere a terra il pacco, almeno secondo lapplicazione FAA di Amazon e le foto di Project Wing. Questi brevetti mostrano che Walmart sta cercando di elaborare questa parte cruciale dellequazione di consegna del drone.

Il sistema immaginato dalla Walmart prevede latterraggio di un drone su una piattaforma allesterno di un edificio, linvio di un segnale alla piattaforma per far sapere che il pacco è stato consegnato, che quindi apre una botola. Il brevetto afferma che un sistema di trasporto sposterà quindi il pacco dallesterno delledificio verso linterno, ma non è chiaro se questo avviene tramite una finestra munita di rete in cui verrà rilasciato il pacco, come appare nella foto o qualcosa di più automatizzato.

La Walmart Inc. è una multinazionale americana che gestisce una catena di ipermercati, grandi magazzini e negozi di alimentari, fondata nel 1962. Quotata in borsa la Walmart Inc. è la terza azienda al mondo per numero di impiegati, circa 2.3 milioni.

L’articolo su DroniWorld: http://bit.ly/2LUMo8D

@droniworldnet #droniworldnet @droniworld #droniworld #droni #servizidroni #noleggiodroni #video #aerofotogrammetria #agricolturadiprecisione #termografia #dji
Visualizza altre news

Portiamo i Droni “in Aula”,
un’iniziativa gratuita di DroniWorld
per tutti gli Istituti superiori, Facoltà Universitarie,
Associazioni di Volontariato e non solo.
Informazioni, chiarimenti ? Ti richiamiamo noi, entro 24 ore verrai contattato dal ns. Staff (Lun-Ven 9:30/17:30).

* Ho preso visione della informativa sulla privacy e do il mio consenso.

I nostri Droni sono in possesso di regolari requisiti e permessi Enac e possono volare anche in ambienti urbani.
I servizi di DroniWorld sono svolti da personale qualificato, certificato Enac e coperto da regolare assicurazione.
Operiamo in tutta Italia dalla ns. sede principale di Mogliano V.to (TV) e da altre basi operative sul territorio.

Droniworld, i nostri servizi

Abbonati alla ns. Newsletter

La newsletter di DroniWorld, leggera e non invadente.

Eventi ed iniziative di DroniWorld ma non solo: fiere, mercati, workshop, seminari e presentazioni Europei ed Internazionali sul mondo della dronistica volante, terrestre o subacquea. Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook e sui nostri social con l’hastag #droniworldnet.

In qualsiasi momento è possibile annullare la sottoscrizione alla Newsletter, zero spam, garantito.

Pin It on Pinterest