fbpx

Grazie a due AUV subacquei è stata ritrovata la Kaga, una nave giapponese affondata nel 1942 nella battaglia di Midway

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo settimane trascorse a ispezionare un’area oceanica delle dimensioni di Houston, gli storici, a bordo della nave da ricerca Petrel, hanno individuato il relitto di una nave della Seconda Guerra Mondiale sul fondo del Pacifico.

La nave giapponese, una nave ammiraglia chiamata Kaga, affondò il 4 giugno 1942, durante la Battaglia di Midway, una vittoria degli Stati Uniti e un importante punto di svolta nella guerra, secondo l’Associated Press

 “Vedere il danno che hanno subito, è umiliante, perché sono tombe di guerra”, ha detto lo storico Frank Thompson all’Associated Press, nel guardare alcuni dei video di queste navi.

Thompson, uno storico del Naval History and Heritage Command in Washington DC, era a bordo della Petrel quando l’equipaggio scoprì la nave affondata.
Il Kaga affondò dopo aver preso fuoco colpito da trenta bombardieri e da due siluri da un sottomarino americano, l’USS Nautilus. I ricercatori lo hanno trovato a oltre 5.400 metri sotto la superficie dell’oceano, secondo un video pubblicato dall’equipaggio di Petrel.
Il Kaga si unisce a un elenco di altre 30 navi da guerra scoperte dalla nave da ricerca Petrel, una nave lunga 76 metri il cui equipaggio è stato incaricato di localizzare relitti storicamente significativi ed esplorare ecosistemi sottomarini, secondo il sito web di R / V Petrel. Finanziato dall’ultimo co-fondatore della Microsoft Paul Allen, l’equipaggio collabora con la Marina degli Stati Uniti e le autorità internazionali per esplorare tombe militari sottomarine e aiutare a risolvere i misteri persistenti delle battaglie della Seconda Guerra Mondiale.

La battaglia di Midway si distingue come uno scontro decisivo tra le forze giapponesi e statunitensi nel Pacifico, ma molti artefatti dello scontro devono ancora essere recuperati, secondo l’AP.

“Questa missione è unica perché stiamo monitorando un intero campo di battaglia”, ha dichiarato Rob Kraft, direttore delle operazioni sottomarine di Vulcan Inc., la compagnia che gestisce la Petrel, in una intervista video. “Questa è una delle più grandi battaglie della seconda guerra mondiale … Le informazioni che abbiamo sono limitate, ma il campo di battaglia stesso era estremamente grande.”

La battaglia di Midway ebbe luogo tra navi da guerra e aerei vicino all’atollo di Midway, un gruppo di isole a circa 1.300 miglia (2.090 chilometri) a nord-ovest di Honolulu. Le forze giapponesi intendevano lanciare un attacco in segreto ma i crittografi statunitensi decodificarono la corrispondenza giapponese sul piano d’attacco, secondo il Museo Nazionale della Seconda Guerra Mondiale.

Infuriando per diversi giorni, la battaglia uccise più di 3.000 giapponesi e 360 ​statunitensi. I giapponesi persero quattro portaerei, Akagi, Soryu, Hiryu e Kaga; un incrociatore, il Mikuma; e diverse centinaia di aerei. Gli Stati Uniti persero un vettore, l’USS Yorktown; un cacciatorpediniere, l’USS Hammann; e 144 aerei. Prima della scoperta di Kaga, l’unica altra nave affondata che i ricercatori avevano trovato era la Yorktown, riferiva l’AP.

L’equipaggio di Petrel ha trovato il relitto di Kaga all’interno del Papahānaumokuākea Marine National Monument, un’area di oltre 580.000 miglia quadrate (1,5 milioni di chilometri quadrati) dell’Oceano Pacifico, secondo il sito web del monumento. La nave ha utilizzato per la ricerca i suoi due robot di bordo, un veicolo subacqueo autonomo e un veicolo azionato a distanza, per indagare e raccogliere riprese video.

Qui l’articolo sulla scoperta dell’Associated Press.

#DroniWorld #DroniWorldNet #droni #servizidroni

La fonte http://bit.ly/2BlMWOy



Droniworld, i nostri servizi

Abbonati alla ns. Newsletter

La newsletter di DroniWorld, leggera e non invadente.

Eventi ed iniziative di DroniWorld ma non solo: fiere, mercati, workshop, seminari e presentazioni Europei ed Internazionali sul mondo della dronistica volante, terrestre o subacquea. Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook e sui nostri social con l’hastag #droniworldnet.

In qualsiasi momento è possibile annullare la sottoscrizione alla Newsletter, zero spam, garantito.

Pin It on Pinterest